31-05-2018

“Una scommessa vinta – Evidenze, risultati e testimonianze di un servizio a misura di paziente”

Il convegno per parlare di assistenza domiciliare integrata in provincia di Bari – Mercoledì 6 giugno
Dall’ottobre 2015 “ADI Bari” gestisce il servizio di assistenza domiciliare integrata su tutta la provincia di Bari. ADI Bari è una società consortile formata dalle cooperative Tre Fiammelle e San Giovanni di Dio (FG) e Proges (PR).
 
Con il convegno “Una scommessa vinta – Evidenze, risultati e testimonianze di un servizio a misura di paziente”, che si svolgerà mercoledì 6 giugno, a partire dalle 9.30 al Palace Hotel (via Francesco Lombardi 13 – Bari), Adi Bari vuole presentare l'attività svolta fino ad ora.
 
Fino al 2016 la situazione dell’assistenza domiciliare integrata nella provincia di Bari era quella di un servizio frazionato e poco utilizzato; in questi 3 anni è cresciuto (+65% dal 2016 al 2018) ed è sempre più conosciuto.
 Con l'aggiudicazione della gara a ADI Bari è stato creato un unico servizio al quale sia i cittadini che la stessa ASL possono far riferimento, i servizi sono più omogenei e la qualità è migliorata, con grande beneficio per tutto il territorio.
 
Alcuni numeri: oggi sono 238 i pazienti seguiti (c’è stato un picco di 300), gli operatori (fisioterapisti, infermieri, logopedisti, Oss, psicologi) sono 165, che hanno percorso 75.000 mila km dall’ottobre del 2015 per raggiungere le abitazioni degli assistiti. Il paziente più giovane è un bimbo di un mese, il più anziano ha 93 anni; per quanto riguarda le tipologie d’interventi quelli più frequenti riguardano: patologie neuro degenerative (40%)tetraplegia postraumatica (10%)patologie dell’apparato respiratorio (20%)lesioni vascolari e da decubito (10%)patologie pediatriche causate da parto e malattie metaboliche rare (10%)patologie oncologiche (10%).
 
Al convegno, organizzato da ADI Bari, anche grazie al contributo di Tena, interverranno Michele D’Alba, presidente Gruppo Tre Fiammelle; Raffaele Pio De Nittis, presidente ADI Bari; Adamo Brunetti, avvocato esperto di compliance & risk manager, Andrea Rotolo, docente Università SDA Bocconi School of management, Rossella Porfido, direttore distretto socio-sanitario unico di Bari, Enrico Lauta, medico anestesista dell’Unità fragile e complessa della ASL Bari, Paolo Pellegrino, vicepresidente della Commissione Sanità Regione Puglia.

Allegati