13-04-2019

Secondo rapporto Nazionale sulla povertà educativa minorile in Italia

Presentato a Roma un bilancio sulla situazione attuale e progetti per il futuro

A Roma è stato presentato il Secondo Rapporto Nazionale sulla povertà educativa minorile in Italia, un momento organizzato da “Con i bambini”.

I numeri parlano di una situazione che vede i minori come la fascia più colpita dalla povertà assoluta. Nel 2005 era assolutamente povero il 3,9% dei minori di 18 anni, un decennio dopo la percentuale di bambini e adolescenti in povertà è triplicata e oggi supera il 12%. Si tratta di una crescita che ha reso ancora più ampio il divario tra generazioni, sottolineando che l’Italia ha un problema estremamente rilevante con la povertà minorile e giovanile da affrontare. Una povertà che non riguarda solo la condizione economica attuale, ma soprattutto il futuro. Vi è quindi la necessità di creare condizioni in grado di dare una possibilità, anche per chi nasce in una famiglia in condizioni disagiate, di avere a disposizione gli strumenti per sottrarsi da adulto alla marginalità sociale.

“Con i Bambini” contribuirà ad accendere ancora di più i riflettori su questa tematica, mettendone in risalto la criticità soprattutto nell’ambito educativo: le famiglie più povere sono generalmente quelle con minore scolarizzazione. Contrastare la povertà nella fascia più giovane della popolazione significa offrire concretamente a tutti i bambini e gli adolescenti, a prescindere dal reddito dei genitori, uguali opportunità educative.

Progettualità con un grande impegno sociale, progetti messi in campo da realtà che insieme lavorano per permettere alla generazione più giovane di oggi di vivere un domani migliore, fatto di dignità e maggiori vie da percorrere.

I dati completi e aggiornati sono disponibili su conibambini.openpolis.it

Progetti come “Ali per il Futuro”, supportato e sostenuto anche da Proges, che lotta contro la povertà educativa prevedendo la la co-costruzione di un percorso familiare personalizzato, per quei nuclei con minori che vivono in situazioni a rischio di svantaggio sociale.

E, proprio, parlando di “ALI PER IL FUTURO” è aperto il bando per accedere alle azioni del progetto dal sito www.aliperilfuturo.it